Integratori per Abbassare il Colesterolo Ecco i Migliori!

di | Novembre 18, 2021

Perché comprare Integratori per abbassare il colesterolo

Se stai leggendo questo articolo, probabilmente ti preoccupi della tua salute e del ruolo che il colesterolo ha all’interno del nostro organismo.

Cos’è il colesterolo? Quale ruolo ha?

Il colesterolo è una sostanza cerosa. Non è di per sè “cattivo”, anzi, il nostro corpo ne ha bisogno in maniera importante in quanto è la base che il nostro organismo utilizza per poter costruire cellule e sintetizzare ormoni e vitamine. Troppo colesterolo però può rappresentare un problema. Il colesterolo viene messo in circolo in due principali modi:

  • Attraverso il fegato che produce tutto il colesterolo di cui abbiamo bisogno
  • Consumo di alimenti che contengono colesterolo ossia alimenti animali come: carne, pollame e latticini contengono tutti colesterolo alimentare.

Quegli stessi alimenti sono ricchi di grassi saturi e trans. Questi grassi fanno sì che il fegato produca più colesterolo di quanto farebbe altrimenti. Per alcune persone, questa produzione aggiuntiva significa che passano da un normale livello di colesterolo a un livello alto e questo può poi rappresentare un problema nel corso del tempo.

Alcuni oli – come l’olio di palma, l’olio di palmisti e l’olio di cocco – contengono grassi saturi che possono aumentare il colesterolo cattivo. Questi oli si trovano spesso anche nei prodotti da forno.

Top Integratori Per Abbassare il Colesterolo

 

Riso Rosso Fermentato

Barberina

Olio Di Pesce  

ArmoLipid Plus

Valutazione 

Valutazione 

Valutazione 

Valutazione 


Perché utilizzare integratori per abbassare il colesterolo

Il colesterolo circola nel sangue. Con l’aumentare della quantità di colesterolo nel sangue, aumenta anche il rischio per la salute. Il colesterolo alto costituisce un rischio più elevato di malattie cardiovascolari, come malattie cardiache e ictus. Ecco perché è importante tenere sempre sotto controllo il colesterolo con delle analisi del sangue, in modo da poter conoscerne i livelli.

CI sono due tipi di colesterolo: colesterolo LDL, in gergo detto “cattivo”, e HDL, considerato “buono”. Il colesterolo è trasportato nel sangue dalle proteine. Quando colesterolo e proteine si legano, diventano lipoproteine. La lipoproteina ad alta densità (HDL) trasporta il colesterolo lontano dalle cellule e torna al fegato. Da lì viene scomposto o espulso fuori dal corpo come prodotto di scarto. Per questo motivo il colesterolo l’HDL è indicato come “colesterolo buono” e più ne sono alti i livelli meglio è.

La lipoproteina a bassa densità (LDL) trasporta il colesterolo alle cellule che ne hanno bisogno. Se c’è troppo colesterolo per le cellule da usare può accumularsi nelle pareti delle arterie, portando a malattie delle arterie. Per questo motivo, LDL è noto come “colesterolo cattivo”. La quantità di colesterolo nel sangue, sia HDL che LDL, viene misurata con un esame del sangue.

Un bilanciamento a favore del colesterolo LDL e a discapito di quello HDL, aumenta il rischio che il colesterolo si accumuli lentamente nelle pareti interne delle arterie che alimentano il cuore e il cervello. Il colesterolo può unirsi ad altre sostanze per formare un deposito denso e duro all’interno delle arterie. Questo può restringere le arterie e renderle meno flessibili – una condizione nota come aterosclerosi. Se un coagulo di sangue forma e blocca una di queste arterie ristrette, può causare un infarto o un ictus.

Quando si tratta di colesterolo, ricorda: controlla, cambia e controlla. Cioè:

  • Controlla i tuoi livelli di colesterolo. È fondamentale conoscere i tuoi livelli e valutare il tuo rischio.
  • Cambia la tua dieta e il tuo stile di vita per aiutarti a migliorare i tuoi livelli.
  • Controlla il colesterolo, con l’aiuto del tuo medico, se necessario

Il colesterolo alto è uno dei principali fattori di rischio controllabili per la malattia coronarica, infarto e ictus. Se hai altri fattori di rischio come il fumo, l’ipertensione o il diabete, il rischio aumenta ancora di più. Più fattori di rischio hai e più gravi sono, maggiore è il rischio complessivo.

Benefici degli integratori per abbassare il colesterolo

L’evidenza scientifica indica chiaramente che il colesterolo alto può aumentare il rischio di:

  • Restringimento delle arterie (aterosclerosi)
  • Infarto 
  • Attacco ischemico transitorio (TIA) – spesso noto come “mini ictus”
  • Arteriopatia periferica (PAD)

Questo perché il colesterolo può accumularsi nella parete dell’arteria, limitando il flusso di sangue al cuore, al cervello e al resto del corpo. Aumenta anche il rischio che un coagulo di sangue si sviluppi da qualche parte nel corpo. Il rischio di sviluppare una malattia coronarica aumenta anche con l’aumentare del livello di colesterolo nel sangue. Ciò può causare dolore al petto o al braccio durante periodi di stress o l’attività fisica(angina).

Quali sono le cause del colesterolo alto?

Molti fattori possono aumentare le probabilità di avere problemi cardiaci o un ictus se si hanno alti livelli di colesterolo. Questi includono:

  • una dieta poco varia con grande consumo di cibi spazzatura con alti livelli di grassi trans e saturi
  • fumo – una sostanza chimica chiamata acrolina, che si trova nelle sigarette, impedisce al colesterolo hdl di trasportare il colesterolo dai depositi di grasso al fegato, portando al restringimento delle arterie (aterosclerosi)
  • il diabete o la pressione alta (ipertensione)
  • avere una storia familiare di ictus o malattie cardiache

C’è anche una condizione ereditaria chiamata ipercolesterolemia familiare. Questa può essere un’altra causa di colesterolo alto , in questo caso però essendo una questione di genetica familiare si può riscontrare anche se il soggetto abbia una dieta adeguata.

Quando devo preoccuparmi e controllare il colesterolo?

Generalmente il dosaggio dei livelli del colesterolo viene prescritto dal medico di famiglia come esame di routine per valutare lo stato di salute di un paziente, ma in linea generale deve essere controllato con maggiore frequenza nei seguenti casi:

Diagnosi di  malattia coronarica, ictus o mini ictus (TIA), o malattia arteriosa periferica (PAD), storia familiare di malattia cardiovascolare precoce, avere un familiare stretto che ha una condizione medica legata al colesterolo, sovrappeso, pressione alta. N.B. il diabete è una malattia che può aumentare i livelli di colesterolo

Quali sono i livelli normali di colesterolo?

Il colesterolo nel sangue è misurato in unità chiamate milligrammi per decilitro di sangue, spesso abbreviato in mg/dL. Come guida generale, i livelli di colesterolo totale dovrebbero essere inferiori a 200 mg/dL per mantenersi ad un buon livello di rischio.

Come guida generale, i livelli di LDL dovrebbero essere inferiori a 100 mg/dL

Mentre un livello ideale di HDL dovrebbe essere superiore a 38 mg/dL.

Un livello più basso di colesterolo HDL può aumentare il rischio di malattie cardiache. Il rapporto tra colesterolo totale e HDL può essere anche calcolato. Il risultato non è altro che il colesterolo totale diviso per il livello HDL. Generalmente, questo rapporto dovrebbe essere inferiore a quattro, poiché un rapporto più alto aumenta il rischio di malattie cardiache.

Abbassare il livello di colesterolo con dieta e integratori

Il primo passo per ridurre il colesterolo è mantenere una dieta sana ed equilibrata. È importante mantenere la dieta a basso contenuto di cibi grassi. È possibile sostituire alimenti contenenti grassi saturi con frutta, verdura e cereali integrali. Tutti gli alimenti animali contengono un pò di colesterolo. Ma riducendo gli alimenti animali che contengono grassi saturi, terrai a bada il colesterolo che assumi con la tua dieta.

Alimenti che contengono colesterolo e sono ricchi di grassi saturi.

  • Latticini grassi come latte, formaggio, yogurt e panna.
  • Grassi animali, come burro, ghee, margarine e creme spalmabili a base di grassi animali, lardo, sugna e gocciolamento.
  • Carne grassa e prodotti a base di carne lavorata come salsicce.

Ci sono alcuni alimenti che sono a basso contenuto di grassi saturi ma ad alto contenuto di colesterolo. Questi includono uova, alcuni crostacei, fegato, patè di fegato e frattaglie. Nota bene questi alimenti non vanno eliminati ma inseriti con equilibrio in una dieta varia

Alimenti che contengono colesterolo ma sono a basso contenuto di grassi saturi.

  • Carne magra, in particolare frattaglie, come fegato, reni, animelle, cuore e trippa
  • Gamberi, granchi, aragoste, calamari, polpi e seppie.
  • Uova (il colesterolo è nel tuorlo).

Per le persone con familiarità, con colesterolo alto, ad alto rischio o hanno malattie cardiovascolari, dovrebbero mangiare questi alimenti con più attenzione e ripartirli in maniera più omogenea nella settimana. Ad esempio, se ti piacciono sia uova che crostacei potresti mangiare tre o quattro uova a settimana e crostacei come gamberi fino a una o due volte alla settimana.

Dovresti evitare del tutto fegato e frattaglie perché sono fonti molto ricche di colesterolo.

La tabella seguente mostra la quantità di colesterolo in questi tipi di alimenti: 

CIBOCOLESTEROLO MG/PORZIONE
Uova
· 1 molto grande
· 1 grande
· 1 media
· 1 piccolo

256mg
240mg
200mg
185mg
Fegato
· Agnello crudo (100g)
· Vitello crudo (100g)
· Pollo crudo (100g)
· Maiale crudo (100g)

430mg
370mg
380mg
260mg
Patè di fegato (40g)68mg
Rene
· Maiale crudo (100g)
· Agnello crudo (100g)

410mg
315mg
Cuore
· 1 Cuore d’agnello crudo (191g)
· 1 Cuore di maiale crudo (266g)

267mg
210mg
Crostacei
· Gamberi crudi (140g)
· Granchio in scatola in salamoia (100g)
· Carne fresca di granchio, cotta (100g)
· Mezza aragosta cotta (250g)

210mg
72mg
169mg
275mg

Alcuni crostacei come cozze, ostriche, capesante e vongole sono tutti a basso contenuto di colesterolo e di grassi saturi e puoi mangiarli tutte le volte che vuoi.

Alimenti che non contengono colesterolo

Il colesterolo si trova solo negli alimenti che provengono dagli animali, non c’è colesterolo negli alimenti che provengono dalle piante. Quindi, non c’è colesterolo in frutta, verdura, cereali, semi, noci, fagioli, piselli e lenticchie.

Altri cambiamenti nello stile di vita, come fare esercizio fisico regolare e smettere di fumare, possono anche fare una grande differenza nell’aiutare a ridurre il colesterolo.

Se queste misure non riducono il colesterolo e continui ad avere un alto rischio di sviluppare malattie cardiache, il tuo medico di famiglia può prescrivere un farmaco che abbassa il colesterolo, come le statine.

Il tuo medico di famiglia prenderà in considerazione il rischio di eventuali effetti collaterali da statine. Il beneficio di abbassare il colesterolo deve superare qualsiasi rischio.

Ma prima di passare ai farmaci puoi prendere in considerazione l’assunzione di integratori naturali che ti permetteranno di abbassare il colesterolo in modo naturale:

Riso Rosso fermentato per abbassare il colesterolo

riso rosso fermentatoIl riso rosso fermentato è prodotto coltivando la specie di lievito Monascus purpureus sul riso. È facile vederlo pubblicizzato come rimedio naturale per ridurre il colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL) (colesterolo “cattivo”). 

Qual è il meccanismo d’azione del riso rosso fermentato?

Il riso rosso fermentato contiene naturalmente monacolina K, un composto simile alla lovastatina. La lovastatina è un inibitore della HMG-CoA reduttasi (farmaco statina), un tipo di farmaco comunemente usato per trattare il colesterolo alto. Il riso rosso fermentato contiene anche:

  • Steroli: sostanze vegetali note per abbassare il colesterolo
  • Isoflavoni: sostanze considerate fitoestrogeni e composti antiossidanti
  • Acidi grassi monoinsaturi : grassi “buoni” che possono aiutare a ridurre il colesterolo

La dose raccomandata di riso rosso è di 700/800 mg assunti per via orale una/due volte al giorno con il cibo. Negli studi, i pazienti hanno iniziato a vedere una riduzione dei livelli di colesterolo dopo circa 12 settimane. Tuttavia in alcuni casi la riduzione del colesterolo può avvenire molto prima grazie alle proprietà della monacolina K. Quindi in linea generale possiamo dire che tutti i prodotti che contengono notevoli quantità di questa sostanza aiutano nella riduzione del colesterolo. A conferma di quanto detto fin qui c’è da dire che la monacolina k si è dimostrata talmente tanto efficace contro il colesterolo che tutti i prodotti che la contengono ad alte dosi sono stati considerati dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti “nuovi farmaci” non approvati.

Quali sono gli effetti collaterali del riso rosso fermentato?

Gli effetti collaterali del lievito di riso rosso includono:

Disagio addominale, Bruciore di stomaco, Vertigini, Creatina chinasi elevata, Enzimi epatici elevati, Flautolenza, Costipazione.

Quando non assumere il riso rosso fermentato:

  • Il lievito di riso rosso è spesso commercializzato come integratore naturale; tuttavia, il suo uso può comportare rischi:
  • Non deve essere usato da persone che hanno malattie epatiche o renali
  • I prodotti a base di lievito di riso rosso non devono essere utilizzati da donne in gravidanza o in allattamento 
  • I prodotti a base di lievito di riso rosso non devono essere utilizzati in pazienti che assumono statine da prescrizione
  • Il lievito di riso rosso può interagire con molti farmaci, tra cui:
  • Statine
  • Altri farmaci per il colesterolo 
  • Farmaci immunosoppressori come la ciclosporina
  • Antimicotico
  • Antibiotici macrolidi
  • Inibitori della proteasi usati per trattare l’HIV
  • Pompelmo
  • Erba di San Giovanni

Barberina altro integratore per abbassare il colesterolo

barberina e colesteroloCos’è la berberina?

La berberina è un alcaloide naturale che solitamente viene estratto da alcuni tipi di arbusti denominati appunto Berberis. Alla vista ha un colore giallo intenso e non è un caso che venga anche utilizzato industrialmente come colorante. La berberina nasce nell’antica Cina, veniva generalmente usata per trattare vari disturbi. Nei nostri tempi è utilizzata per la sua forte attività biologica che esplica all’interno del corpo.

Come agisce sul colesterolo?

In uno studio del 2004 dei ricercatori hanno organizzato due diversi gruppi di pazienti, ad uno è stata somministrata la berberina e l’altro gruppo è diventato il gruppo di controllo al quale è stato somministrato placebo. E’ stato dimostrato l’attività specifica della Berberina correlata in modo positivo nell’abbassare sia la glicemia che il colesterolo. A differenza di altri integratori la Berberina non interferisce con l’enzima HMGCoA-reduttasi, ma agisce attivando un altro enzima all’interno delle cellule chiamato proteina chinasi attivata da AMP che è un vero e proprio “interruttore metabolico”.

Abbassare il colesterolo con integratori di Olio di Pesce 

olio di pesce colesteroloL’olio di pesce non è altro che un lipide che viene estratto da pesci grassi, generalmente di grossa taglia come salmoni, sgombri, aringhe ecc. Una volta estratto viene distribuito come integratore generalmente in capsule molli.

Visto che generalmente vengono usati pesci di grossa taglia per estrarre l’olio di pesce è sempre buona cosa ricercare esclusivamente olio di pesce con certificazione IFOS che ne garantisce la totale assenza di metalli pesanti all’interno. L’olio di pesce è anche comunemente usato per l’alta presenza di Omega3 che sono acidi grassi con proprietà benefiche, alcune di queste sono:

  • ridurre le probabilità di malattie cardiache
  • migliorare lievemente i sintomi dell’artrite reumatoide
  • aiutare la crescita di un feto durante la gravidanza

Ci sono 3 tipi principali di omega-3. Ognuno ha un effetto diverso sul corpo. Sono:

  • acido eicosapentaenoico (EPA)
  • acido docosaesaenoico (DHA)
  • acido alfa-linolenico (ALA)

L’olio di pesce contiene principalmente EPA e DHA, anche se i dosaggi esatti possono variare considerevolmente a seconda del tipo di pesce da cui proviene l’olio, nonché della marca o del produttore.

L’olio di pesce fa bene al colesterolo?

Anche se l’olio di pesce non ha dimostrato in maniera diretta di abbassare i livelli di colesterolo, si è dimostrato che la sua assunzione aumenta i livelli di lipoproteine ad alta densità ossia il colesterolo “buono” (HDL) e aumenta la densità delle particelle LDL, questo è un fattore positivo in quanto le particelle LDL più piccole  sono associate a un maggiore rischio di aterosclerosi, che può contribuire all’angina e agli attacchi di cuore.

Armolipid integratore per abbassare il colesterolo

ArmoLipidChe cos’è Armolipid?

Armolipid non è altro che un integratore a base di: Riso Rosso Fermentato, Policosanoli, Coenzima Q10, Astaxantina.

L’insieme di queste sostanze naturali rendono Armolipid uno dei migliori integratori per abbassare i livelli di colesterolo nel sangue. Il suo meccanismo d’azione aiuta a ridurre il rischio di tutte le problematiche legate al colesterolo in eccesso e quindi anche di sviluppare patologie cardiovascolari.

Come agisce

Per quanto riguarda il componente principale ossia il Riso rosso fermentato, abbiamo già descritto nel dettaglio sopra il suo meccanismo d’azione specifico per il colesterolo. In abbinamento al riso rosso fermentato Armolipid contiene anche Policosanoli che aiutano a ridurre i livelli di colesterolo agendo a livello epatico con l’obbiettivo di aumentare il metabolismo delle lipoproteine LDL.

Coenzima Q10: è una molecola presente in tutto il nostro organismo è particolarmente concentrano negli organi vitali (cuore, reni, fegato). Viene assimilato attraverso la normale alimentazione e assorbito a livello intestinale. Perché è importante per il colesterolo? Perché l’utilizzo di Riso rosso fermentato, statine o altri farmaci o integratori con azione diretta sulle lipoproteine possono deprivare le scorte di Q10 all’interno dell’organismo. Per questo quando si assumono questi prodotti è importante bilanciarne la sua presenza attraverso un integratore. Armolipid ha anche coenzima Q10 a suo interno.

L’Acido folico invece ha un azione diretta sul metabolismo dell’omocisteina dal un aminoacido derivante dal metabolismo della metionina. Livelli elevati di omocisteina sono un fattore di allerta in quanto sintomatici del fatto che si è nella condizione di rischio di avere problemi cardiovascolari.

In ultimo ma non per importanza abbiamo L’Astaxantina un carotenoide dalle spiccate proprietà antiossidanti con buone proprietà antinfiammatorie. Nel caso specifico riguardante il colesterolo previene la perossidazione delle lipoproteine plasmatiche, opponendosi in modo indiretto a possibili scenari aterosclerotici.

Ti è piaciuto il post? Condividilo!