Attacchi di panico? Ansia? Ecco i rimedi naturali

di | Gennaio 15, 2019

Avete problemi di ansia o persino attacchi di panico? Niente paura, per quanto sembri un gioco di parole è in realtà la soluzione migliore. L’aspetto importante è prendere consapevolezza del problema che è il primo passo fondamentale per la riuscita. Ma andiamo per ordine.

COSA SONO GLI ATTACCHI DI PANICO

Gli attacchi di panico sono uno stato ansioso elevato che esplode in determinati sintomi. Il tutto è quasi sempre derivato da problemi di infanzia o stress protratto nel tempo e quotidianamente o quasi. Quindi gli attacchi di panico sono un’esperienza che può avvenire a causa di elevato stress, che sia lavorativo, famigliare, personale, di studio ecc.

I SINTOMI

I sintomi degli attacchi di panico sono svariati ma molto precisi e facili da capire.

  • Palpitazione/Tachicardia (battiti irregolari, pesanti, agitazione nel petto, sentirsi il battito in gola)
  • Paura di perdere il controllo o di impazzire (ad esempio, la paura di fare qualcosa di imbarazzante in pubblico o la paura di scappare quando colpisce il panico o di perdere la calma)
  • Sensazioni di sbandamento, instabilità (capogiri, vertigini)
  • Tremori fini o a grandi scosse
  • Sudorazione
  • Sensazione di soffocamento
  • Dolore o fastidio al petto
  • Sensazioni di derealizzazione (percezione del mondo esterno come strano e irreale, sensazioni di stordimento e distacco) e depersonalizzazione (alterata percezione di sé caratterizzata da sensazione di distacco o estraneità dai propri processi di pensiero o dal corpo)
  • Brividi
  • Vampate di calore
  • Parestesie (sensazioni di intorpidimento o formicolio)
  • Nausea o disturbi addominali (diarrea, costipazione)
  • Sensazione di asfissia (stretta o nodo alla gola)

I sintomi sono soggettivamente allarmanti o meno. Spesso però quando avvengono gli attacchi di solito rendono il soggetto incapace di svolgere qualsiasi attività.

Gli attacchi di panico si verificano spesso in situazioni quotidiane dove la miccia può essere un minimo stress ma che in quel determinato periodo sono come la goccia che fa traboccare il vaso. Questo significa che possono essere scatenati anche soltanto guidando l’auto, pensare persino semplicemente ad un attività che richieda impegno come lo studio.

Durante un attacco di panico (ma sopratutto prima che avvengano, quindi nel periodo antecedente all’attacco che può essere anche di svariate ore prima), possono avvenire pensieri catastrofici automatici e incontrollati che riempiono la mente della persona. Questa ha quindi difficoltà a pensare chiaramente e teme che tali sintomi siano veramente pericolosi. Alcuni temono che gli attacchi indichino la presenza di una malattia non diagnosticata, pericolosa per la vita (per es., cardiopatia, epilessia). Nonostante i ripetuti esami medici e la rassicurazione, possono rimanere impauriti e convinti di essere fisicamente vulnerabili.

Altri temono che i sintomi dell’attacco di panico indichino che stanno “impazzendo” o perdendo il controllo, o che sono emotivamente deboli e instabili.

In tutto ciò, non esiste nessun pensiero razionale che possa migliorare la situazione, ma solo la consapevolezza del problema, ovvero che è un attacco di panico, può migliorare in qualche modo l’evento.

RIMEDI NATURALI

Gli attacchi di panico sono molto soggettivi e in alcuni casi è importante rivolgersi ad un professionista nel settore. Spesso però dei rimedi naturali, e il cercare di evitare fonti di stress, sono risolutivi.

Vi sono svariate piante che agiscono in modo attivo sulla psiche e sul ritrovare l’equilibrio mentale ed emotivo. Tra le quali troviamo:

  • Biancospino. Una pianta enormemente conosciuta in questo settore e che permette di calmare, rilassarsi, trovando perciò giovamento anche nelle situazioni di attacchi di panico, persino nei picchi più alti di tale patologia. Risulta utile per stati ipertensivi, è cardiotonico
    sedativo, regola le aritmie.

  • Angelica. L’angelica è una pianta originaria del Nord America ed è una pianta boschiva e spontanea. E’ una pianta molto utile negli stati emotivi negativi, tanto da essere indicata anche nei casi di depressioni.
  • Piscidia. E’ una pianta estremamente potente ed utile a livello del sistema nervoso centrale. Molto indicata prima di dormire per un assunzione quotidiana visto che è in grado di agevolare il buon sonno e quindi utile per il recupero della propria psiche.
  • Zafferano. Ebbene sì, lo zafferano non è utile solo in cucina. Se assunto come integratore e quindi privo della modificazione che avviene a causa del calore in cucina, risulta estremamente utile non solo per gli attacchi di panico ma anche negli stati depressivi. A tal proposito le ricerche sono sempre più rilevanti al riguardo tanto da preferire lo zafferano ai farmaci, anche in casi gravi. Fonte.

CONCLUSIONI

Ora che abbiamo compreso cosa sia un attacco di panico e come possa sfociare fisicamente sul nostro corpo, possiamo affrontare meglio il problema, cercare perciò di curare la propria mente per poi ripartire al meglio delle proprie forze psicofisiche.

Ti è piaciuto il post? Condividilo!