DHEA e cancro: l’ormone della prevenzione

di | Aprile 11, 2020

DHEA e cancro, spesso due parole che vengono associate in modo errato. E’ infatti comune credere che l’ormone DHEA possa portare alla formazione di neoplasie.

La ricerca scientifica fa passi da gigante e nei recenti sviluppi ha dimostrato come il DHEA non favorisce affatto la formazione di malattie neoplastiche, bensì funge da protezione. Perciò l’associazione DHEA e cancro ha un assonanza positiva e non negativa.

DHEA e CANCRO

L’argomento è sicuramente vasto, ma cercheremo di racchiudere i concetti fondamentali ed essenziali. Per tale motivo abbiamo deciso di racchiudere le informazioni rilasciate da ARTOI, un associazione di ricerca oncologica integrata.

Il dottor Ray Sahelian esprime nell’articolo concetti fondamentali e scientifici sull’effetto protettivo che possiede questo magnifico ormone, il DHEA.

ESPERIMENTO SULL’UOMO

In uno studio di 9 uomini sani, è stato somministrato il DHEA per 20 settimane con una quantità di 50mg. Si è evidenziato a fine esperimento che erano aumentate le attività dei linfociti natural killer, ovvero quelle cellule che sono specializzate del distruggere i virus e cellule cancerogene! E’ la prima linea ed importante difesa che abbiamo.

Come riporta il sito ARTOI “Altri studi mostrano che il DHEA inibisce la timidina nelle cellule neoplastiche, un fattore di moltiplicazione cellulare, e disturba gli effetti ossidanti dei cancerogeni chimici.  Gli scienziati sostengono che il DHEA modula gli effetti di sostanze chimiche cancerogene sulle cellule.”

E’ stato anche dimostrato che il DHEA aumenta e stimola l’interleuchina 2, una proteina che permette la comunicazione e la regolazione del sistema immunitario. Aspetto fondamentale per avere un sistema immunitario che risponda non solo repentinamente ma anche in modo adeguato. D’altronde le patologie autoimmuni sono una risposta immunitaria inadeguata.

Vi è anche un riscontro diretto su patologie gravi come arteriosclerosi, ipertensione, scarsa memoria e capacità di concentrazione, sovrappeso, disturbi metabolici, elevati livelli di colesterolo, Alzheimer e sclerosi multipla; dove il DHEA risulta in queste persone estremamente basso.

ESPERIMENTO SUI TOPI

Un altro studio è stato condotto sui topi e ratti. In questo esperimento il DHEA ha dimostrato di inibire lo sviluppo di tumori al fegato, seno, polmone, colon, il sistema linfatico e altri tessuti corporei!

Ma non è finita qui, i topi sono stati (femmine gravide) messi a contatto con un agente cancerogeno che nel 96% porta allo sviluppo di malattie neoplastiche. I topi pero trattati con il DHEA hanno sviluppato il cancro solo il 35% di essi alle mammelle. Un risultato eccezionale e sorprendente.

DHEA e cancro? E’ evidente come l’associazione comune è completamente errata.

Ti è piaciuto il post? Condividilo!