Il TRH? Una molecola di cui nessuno ne parla

di | Giugno 7, 2018

High T3T4 levels result in inhibition of TSH and TRH. TRH. Anterior pituitary. TSH. Thyroid. T3 T4.

Avete mai sentito parlare di TRH? Probabilmente no, eppure si tratta di una molecola molto importante che ha stretta correlazione con l’invecchiamento precoce, anche più della Melatonina stessa.

Un ricercatore, professore e medico di fama mondiale, Walter Pierpaoli, ha studiato il TRH e questo è quello che ha da dire su questa molecola:

“Nel 1989, mentre in compagnia del mio collaboratore Changxian Yi mi occupavo di valutare se l’azione della melatonina venisse mediata dalla ghiandola tiroide, con sorpresa notai una inattesa  azione del TRH (tireoliberina o ormone tireotropo) a vari livelli, che nulla avevano a che fare con la tiroide. Quindi il TRH si porta dietro dalla sua nascita con Roger Guillemin, una definizione del tutto errata, quella di ormone, mentre al contrario agisce indipendentemente dalla tiroide! 

Come da me dimostrato già nella prima pubblicazione, il tripeptide agisce a vari livelli e mostra di possedere proprietà di recupero e di potenziamento immunologico che facevano subito intuire come tale peptide, da noi battezzato Life Generating Molecule, fosse in realtà un elemento primordiale nella genesi della vita organica sulla terra. I successivi esperimenti confermarono l’enorme valore di tale molecola, che agisce nel ripristino e nel mantenimento dell’equilibrio metabolico, come dimostrano i nostri esperimenti sul recupero della funzione renale, sessuale e sul controllo delle cellule pancreatiche che producono insulina. Si evidenzia quindi la reale possibilità di ripristinare la funzione pancreatica in quanto il TRH è persino in grado di promuovere la rigenerazione delle cellule beta nel pancreas. Ciò significa semplicemente che possiamo debellare il diabete di ogni origine. 

Nessuno ne parla!

Ho condotto per anni numerose ricerche in vivo sui roditori con il TRH ed i risultati sono talmente drammatici da poter essere scambiati per artefatti! L’errata definizione del TRH come ormone limita il suo uso anche se, come osservato nell’uomo in concentrazioni altissime anche per via endovenosa, è totalmente privo, similmente alla melatonina, di ogni tossicità.  Anche in questo caso, pare che l’Uomo sia ostile alla Natura quando non esista il lucro.”

Fonte:

http://drpierpaoli.ch/ITA/La-Paralisi-della-Medicina-Cap-II-7d873400

CONCLUSIONI

In questo articolo ovviamente non invitiamo a ricercare tale molecola e usarla in modo spropositato e senza stretta sorveglianza medica. Ma ci siamo proposti di far conoscere anche noi, nel nostro piccolo, questa meravigliosa molecola e le ricerche che vi sono dietro.

Ti è piaciuto il post? Condividilo!