Tutto sugli ormoni tiroidei – Ipotiroidismo autoimmune Hashimoto

di | Ottobre 19, 2020

In un precedente articolo chiamato “Tutto sugli ormoni tiroidei – cosa sono”, abbiamo chiarito a cosa servono gli ormoni tiroidei, la loro funzione e come vengono prodotti.

Ma cosa accade se la Tiroide non produce sufficienti ormoni tiroidei? Si incorre in una patologia definita Ipotiroidismo.

Ma questa patologia ha svariate cause. Il sintomo è l’ipotiroidismo, ma ciò che lo causa o le sue espressioni sono estremamente diverse. Vediamone alcune.

Abbiamo scritto altri articoli che vi potrebbero interessare:

Tutto sugli ormoni tiroidei – La chiave rT3

Ipotiroidismo Subclinico.

IPOTIROIDISMO AUTOIMMUNE HASHIMOTO

L’ipotiroidismo autoimmune, spesso conosciuta con il nome di Hashimoto, è l’aggressione da parte del sistema immunitario verso le cellule tiroidee.

Prima Fase: Spesso con una patologia HASHIMOTO si ha un periodo di ipertiroidismo (alcune volte non percepito dal paziente). Questo fenomeno avviene perché le cellule di strutte dal sistema immunitario, rilasciano gli ormoni tiroidei nel sangue.

Seconda Fase: In questa fase, quella che durerà per tutta la vita, è la fase di ipotiroidismo. La Tiroide, avendo subito danni ai tessuti, non riesce a produrre abbastanza ormoni tiroidei richiesti dal corpo.

SINTOMI

I sintomi da Ipotiroidismo autoimmune Hashimoto, sono identici ad un ipotiroidismo comune. Questo perché il danno finale, il risultato finale non cambia.

I sintomi più comuni sono:

  • Sindrome della stanchezza cronica.
  • Annebbiamento della mente.
  • Difficoltà a concentrarsi.
  • Soggetto ad infezioni per abbassamento del sistema immunitario (spesso il soggetto incorre in continui problemi di febbre o irritazioni alle prime vie respiratorie, soggetto a polmonite ecc).
  • Spesso sono presenti altri problemi autoimmuni.
  • Problemi e scompensi cardiaci e problemi circolatori (Bradicardia, aritmie, senso di oppressione nella regione cardiaca, infarto, ictus).
  • Pressione arteriosa alta.
  • Metabolismo lento.
  • Difficoltà e disturbi nel sonno.
  • Fibromialgia.
  • Invecchiamento precoce.
  • Diabete di Tipo 2.
  • Gotta.
  • Osteoporosi.
  • Alterazioni psichiche (depressione, sbalzi di umore, allucinazioni ecc).
  • Disturbi visivi.
  • Acufeni.
  • Problemi polmonari (Asma, Enfisema, Respiro affannoso al minimo sforzo, Infezioni polmonari).
  • Menopausa precoce.
  • ADHD.

Fonte: Raul Vergini – Curare in maniera naturale l’Ipotiroidismo.

Come abbiamo potuto constatare, gli effetti di un ipotiroidismo sono dai più svariati, e anche severi in alcuni casi.

CURARE IPOTIROIDISMO AUTOIMMUNE HASHIMOTO

E’ possibile curare Ipotiroidismo autoimmune Hashimoto?

La risposta è no! Non si può completamente guarire. Ma si possono mitigare i problemi derivati da esso completamente con una sostituzione o integrazione (dipende dai casi la scelta se sostituirli completamente o meno) di ormoni tiroidei.

Secondo varie scuole di pensiero, vi è la possibilità di assumere il solo T4, la Levotiroxina, ed è la cura più diffusa ed accettata in Italia.

Questo però non significa sia adatta a tutti. Infatti vi sono molte persone che per problemi vari ( poca mobilità, fegato con mancanza di enzimi, ecc.) convertono poco l’ormone T4 in T3. Il risultato è una cura falsata, nel quale il TSH si abbassa, ma dalle analisi si evince in T3 molto basso.

Ecco perché molti medici e ricercatori, come Walter Pierpaoli, parlano e incitano all’uso di T3+T4, in modo tale da dare al corpo tutto ciò che gli serve.

E’ ovviamente altamente consigliato farsi guidare da un professionista nella sostituzione ormonale o integrazione.

IN CASO DI IPOTIROIDISMO AUTOIMMUNE HASHIMOTO, COSA SI PUO’ FARE CON I METODI NATURALI?

Per capire cosa si può fare con dei metodi naturali (che non possono comunque sostituire la cura ormonale), bisogna capire cos’è questa patologia.

Se ci pensiamo e ci fermiamo a pensare, il motivo è un mal funzionamento degli anticorpi. Ecco perché regolare la funzione del sistema immunitario risulta essenziale!

Vitamina D

Tra alcuni elementi importanti nel modulare il sistema immunitario ed utile in casi di patologi autoimmuni, è la vitamina D.

Svariati ed innumerevoli studi hanno dimostrato che siamo un popolo carente di Vitamina D da Nord a Sud. Ecco che l’integrazione di Vitamina D è essenziale.

E’ stato dimostrato su innumerevoli studi che la Vitamina D modula il sistema immunitario, rendendosi estremamente utile in caso di patologie autoimmuni, andando a ridurre il malfunzionamento del sistema immunitario.

Fonte: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/?term=+Vitamin+D+immune+system

Magnesio

Il Magnesio spegne in modo naturale le infiammazioni presenti nel corpo. Risulta quindi utile nell’agevolare e alleggerire la tiroide dalla continua aggressione del sistema immunitario verso di essa.

Fonte: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/?term=Magnesium+immune+system

Melatonina

Ne abbiamo parlato già tante volte di questa fantastica molecola, la Melatonina. Essa permette la modulazione degli ormoni dell’intero corpo tramite il riposo della Pineale e addirittura l’inversione dell’invecchiamento.

Nulla di fantascentifico, tutto è dimostrato da innumerevoli studi internazionali, soprattutto quelli prodotti dal proff Walter Pierpaoli.

Fonte: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/?term=Melatonin+immune+system

Glutine

In molti dietologi, nonché esperienze, si può comprendere come chi spesso ha problemi di ipotiroidismo autoimmune Hashimoto, riesce ad avere sollievo e a rallentare la patologia riducendo o eliminando prodotti con Glutine.

Abbiamo già riassunto molte informazioni in questo articolo, perciò ci fermiamo qui e ci rivediamo nel prossimo articolo dove approfondiremo moltissimi argomenti.

Ti è piaciuto il post? Condividilo!