3G, 4G, 5G fa male? Ecco cosa dice la scienza su queste radiazioni

di | Marzo 11, 2019

Cos’è il 3G, 4G e 5G? Sono frequenze Radio trasmesse dai nostri device mobili, sopratutto dai nostri smartphone o cellulari.

La ricerca è in continuo movimento sul capire quali sono i danni di queste radiazioni o se non vi è alcun problema per l’uomo all’esposizione a queste radiofrequenze.

Avevamo parlato dei danni possibili o meno del Wi-Fi in un recente articolo:

Il WiFi fa male? Ecco cosa dice la scienza

In questo articolo, come nel precedente, ci limiteremo ad esporre le ultime ricerche pubblicate riguardo ai possibili danni della rete cellulare.

COSA DICE LA RICERCA

A livello prettamente teorico le Radio frequenze dei nostri smartphone o cellulari non creano danni, riscaldano solo la parte. Questo perché si tratta di onde elettromagnetiche non ionizzate e per tale motivo non modificano le molecole con cui entrano in contatto.

Ma la teoria si trova in coerenza con l’evidenza scientifica?

In realtà, per quanto ci venga inculcato dai media che non vi siano pericoli, la scienza dice ben altro. Una conclusione unanime e definitiva non sono ancora giunti, ma pare evidente come non sono privi di effetti collaterali queste onde elettromagnetiche.

” Osservazioni preliminari hanno mostrato che MMW aumenta la temperatura della pelle, altera l’espressione genica, promuove la proliferazione cellulare e la sintesi di proteine ​​legate allo stress ossidativo, processi infiammatori e metabolici, potrebbe generare danni oculari, influenzare le dinamiche neuromuscolari. “

Fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29402696

E come sempre l’aspetto che viene più messo a rischio è la fertilità sopratutto nell’uomo. Questa ricerca riporta quanto segue:

” La durata più lunga dell’esposizione del campo elettromagnetico diminuiva la spermatogenesi.”

Fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29789776

Queste onde elettromagnetiche sono state dannose in sperimentazione di laboratorio su embrione animale:

” Le onde elettromagnetiche emesse dai telefoni cellulari, anche se per una durata molto breve di 20 minuti al giorno, hanno influenzato la crescita dell’embrione di pollo al giorno 10 dell’incubazione, quindi l’esposizione di queste onde non è sicura al 100%.”

Fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28718553

Qualità del sonno, disturbi cognitivi, ridotta produttività lavorativa e tanto altro ancora sono emersi nel seguente studio.

Fonte: https://mmrjournal.biomedcentral.com/articles/10.1186/s40779-017-0133-6

Altro importante resoconto sulla correlazione della infertilità maschile e le onde elettromagnetiche prodotte dai telefoni cellulari o smartphone:

” La qualità dello sperma diminuisce all’aumentare della durata di utilizzo del cellulare (Agarwal, Deepinder, et al., 2008). In uno studio osservazionale in vitro, lo sperma di uomini sottoposti a valutazione dell’infertilità è stato analizzato e correlato con quattro categorie di utilizzo del telefono cellulare (modalità di conversazione: nessuna, <2 ore / giorno, 2-4 ore / giorno,> 4 ore / giorno ). Con l’aumento dell’uso del cellulare, il conteggio degli spermatozoi, la vitalità, la motilità e la morfologia normale sono tutti diminuiti in modo significativo”

Fonte: https://insights.ovid.com/pubmed?pmid=20453596

Non è solo l’uomo a doverne pagare le conseguenze dall’esposizione delle onde elettromagnetiche. Nel seguente studio si è voluto vedere come queste onde possano influire i ratti in gravidanza.

” L’esposizione ai campi elettromagnetici durante lo sviluppo embrionale può causare cambiamenti morfologici negli ovociti e influenzare la differenziazione degli ovociti e della follicogenesi, con conseguente diminuzione della riserva ovarica che porta alla sterilità o alla ridotta fertilità .”


La micrografia del microscopio ottico del gruppo Sperimentale (13 settimane), la scomparsa e la distruzione della granulosa dei follicoli primitivi in ​​crescita erano evidenti: l’ovocita irregolare nel follicolo è abbastanza evidente (frecce). 
Inoltre, la struttura dello stroma ovarico viene interrotta. 
Il citoplasma dell’ovocita come piastre di acidofilo all’interno dei follicoli è visibile. 
Inoltre, l’accumulo di fibre di collagene sotto forma di fibrosi è visto in parte dello stroma ovarico. 
Macchie di 40XHematoxilina-eosina (H & E)

Fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27123226

E sulla fertilità troviamo ancora tanto tanto materiale che ci indica la negatività di queste onde elettromagnetiche sugli uomini:

” Concludiamo che i risultati aggregati degli studi in vitro e in vivo suggeriscono che l’esposizione dei telefoni cellulari influisce negativamente sulla qualità dello sperma. “

Fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24927498

” Le onde elettromagnetiche a radiofrequenza emesse dai telefoni cellulari possono portare a stress ossidativo nello sperma umano. Noi ipotizziamo che tenere il telefono cellulare in una tasca dei pantaloni in modalità conversazione possa influire negativamente sugli spermatozoi e compromettere la fertilità maschile . “

Fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18804757

Vi sono anche studi, pochi, che dimostrano come ci sia una possibile correlazione negativa con il nostro cervello e l’udito.

” L’analisi istopatologica e immunoistochimica ha mostrato segni di degenerazione neuronale, come aumento della vacuolizzazione nel nucleo cocleare, aspetto delle cellule picnostiche ed edema nel gruppo esposto ai campi elettromagnetici rispetto al gruppo di controllo. La latenza media dell’onda nell’ABR era simile in entrambi i gruppi (p> 0,05). “

Fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25836770

” In conclusione, gli EMM emessi da MP influiscono sul potenziale uditivo. “

Fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27530007

” Diversi studi indicano un aumento dell’eccitabilità e / o efficienza corticale con l’esposizione a campi elettromagnetici, che sembra essere più marcata nelle regioni fronto-temporali ed è stata associata a tempi di reazione più rapidi. L’eccitabilità corticale potrebbe anche sostenere l’interruzione del sonno. “

Fonte: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28426166

CONCLUSIONE

Vi sono molti, troppi studi che dimostrano correlazioni negative con le onde elettromagnetiche dei cellullari (3G/4G/5G) sulla fertilità e la salute in generale dell’uomo.

COME PROTEGGERSI

Non si può evitare di usare questa tecnologia. Ormai ne siamo schiavi, e se non vogliamo completamente essere isolati dal sistema dobbiamo usarli per forza.

Possiamo però prendere delle precauzioni molto utili tra i quali spegnere la rete dati di notte, per agevolare un buon sonno e di usare la Melatonina che protegge ogni cellula del nostro corpo dallo stress ossidativo!

Ti è piaciuto il post? Condividilo!